LA SARDEGNA, UNA TERRA UNICA

Incastonata come un diamante nel cuore del Mar Mediterraneo, la Sardegna ci racconta una storia millenaria, fatta di uomini e giganti, di conquiste e di eroi.

Nonostante, fin dai tempi antichi, sia stata continuamente assediata e visitata dai viandanti del Mare, la Nostra Isola non si è mai piegata a conquistatori e condottieri stranieri.

Con forza, coraggio e determinazione si è creata nel corso dei secoli una potente identità territoriale: l’ identità Sarda.

La Sardegna è ricca di miti e leggende, di storie e tradizioni tramandate di generazione in generazione.

Strapiombi mozzafiato sul mare e rocce granitiche modellate dai venti, litorali sabbiosi e grotte naturali da favola: un paesaggio che diventa magico donandoci un’ atmosfera fiera e tanace come i sui abitanti.

Il suo territorio unico e fertile l’ha resa un luogo magico, infatti l’isola si compone di: 

  • 863 ettari di montagne
  • 098 ettari di pianure
  • 635.208 ettari di colline

E’ di notevole importanza la presenza sull’isola di acqua grazie ai numerosi fiumi come il Coghinas, il Tirso, il Flumini Mannu o il Flumentosa che hanno principalmente caratteristiche torrentizie e di molti laghi come il lago Omodeo, di origine artificiale, che rappresenta il più vasto lago artificiale d’ Italia.

I suoli della Sardegna sono il prodotto dell’erosione di roccie antichissime che risalgono fino a 300 milioni di anni fa. L’ altopiano del Gennergentu domina con i suoi 1834 metri di altezza sul livello del mare e scorci di granito, scisto, trachide e basaldo impreziosiscono il territorio.

Abbandonando le montagne e le colline, si scende verso il mare.

Il mare della Sardegna, il più bello d’Europa, abbracciato da panorami selvaggi che sprigionano colori e profumi unici.

 
“Siamo il regno ininterrotto del lentisco, delle onde che ruscellano i graniti antichi, della rosa canina, del vento, dell’immensità del mare. Siamo una terra antica di lunghi silenzi, di orizzonti ampi e puri, di piante fosche, di montagne bruciate dal sole e dalla vendetta. Noi siamo sardi." 
[Grazia Deledda]
 

 

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati